Catarsi



Tratto da "La storia di un messaggio per te" (Gio Gnecchi - Edizioni Montag)

"...Ci sono momenti in cui ti senti perso, vuoto, colpevole e non sai che fare, la confusione regna. Ti sembra di essere impotente, l'ansia e la paura salgono dalla bocca dello stomaco e un brivido di gelo ti percorre la schiena. 

Questi momenti sono quelli più importanti, sono quelli coi quali puoi veramente cambiare le cose. 

Sono i momenti in cui sei di fronte a una porta che ti darà accesso a altro, a qualcosa di più elevato e splendido. 

In questi momenti manca la consapevolezza, il coraggio e la forza per rendersene conto; rendersi conto che il guaio è opportunità, che la COSCIENZA INFINITA merita FIDUCIA, che se in quei momenti riesci a osservare allora puoi integrare la disgrazia, la sofferenza e soprattutto l'insegnamento che hai perso dentro di te. 

Puoi sublimare e trasmutare come un grande alchimista una bassa energia, nella vibrazione più alta e splendida. 

Quelli sono i momenti in cui sei incollato a un traguardo, ma accecato dall'ego non lo vedi. 

Quei momenti sono il sale e il condimento che ti permette di assaporare l'istante in cui il traguardo sarà superato, la porta varcata, il confine con il vecchio oltrepassato. 

L'ultima resistenza è sciolta, un altro passo verso la realtà è compiuto e vedi finalmente l'illusione che hai generato. 

Un altro gradino verso l'alto è stato scalato e TU SEI un po' più cosciente, un po' più COSCIENZA, SEI un po' più CIO' CHE VERAMENTE SEI e un po' meno il tessuto mentale ingannevole attraverso cui pensavi di vivere e vedere il vero. 

Ora grazie a quei momenti TU SEI più vicino all'ESSERE e l'ESSERE pervade un pezzo in più di Maya, dell’illusione. Ti sei aperto a Dio e Dio si manifesta tramite TE. 

Ora guardi indietro e provi un misto di leggerezza e malinconia. Senti quasi un vuoto. Paradossalmente salutare il passato non è così semplice, anche se quel passato ti piaceva poco e mentre lo vivevi ti rendeva insoddisfatto. 

Durerà poco questa sensazione, un'altra avventura comincia, un'altra corsa verso il nuovo è iniziata. La vita è un susseguirsi di attivazioni, elaborazioni, integrazioni e di estasi. Un cammino dalla Sorgente... alla Sorgente; dall'Inizio a un nuovo Inizio, dalla Creazione e manifestazione all'ESSERE..."