L'importanza di dire NO

 
Ci sono parole inutili. Altre sono state inventate per definire qualcosa di esistente. Alcune vengono usate per modificare la percezione di ciò che accade davvero. Una è fondamentale

Una storiella ci fa capire che, dire che è "Impossibile" uscire da certe situazioni è inutile.

"Sopruso", "Prevaricazione", "Torto", "Ingiustizia" erano situazioni in cui Mr Tiranno si approfittava dell'educato e remissivo This Obbedisco. This Obbedisco mentre subiva, si lasciava incantare (era vittima di un incantesimo) da parte di Mr Tiranno che gli faceva intendere che era suo "Diritto" e "Facoltà" questo tipo di "Sopraffazione e Strapotere".
This Obbedisco addirittura si sentiva in colpa o in torto, quando pensava di far notare a Mr Tiranno che ciò era sbagliato, poichè gli avevano insegnato che "Farsi Valere" era da cattivi, non da Uomini e Donne con le maiuscole. Temeva che quel tiranno di Mr Tiranno potesse rimanere male, arrabbiarsi, offendersi o togliergli affetto, stima e fiducia. Come se piacere a quell'immaturo di Mr Tiranno fosse importante... nessuno gli aveva spiegato di immaginarsi Mr Tiranno piccolopiccolo, anzi minuscolo e ridicolo. This Obbedisco, non sentiva la sua voce nella mente come il rrrruggito di una tigre. Non si faceva nemmeno queste domande:

Chi vorrebbe assomigliare ad un tizio che vuole far credere agli altri che è suo diritto prevaricare?
Chi vorrebbe piacere a qualcuno a cui NON si vuole assomigliare?

Per questo fu fondamentale per This Obbedisco sostituire i "Sì", che davano diritto e facoltà, cioè il "Permesso di", con dei "NO", così Mr Tiranno smise di approfittarsi degli altri e crebbe. 
This Obbedisco pratica-mente disse "Sì" a se stesso. NO? 

Mi presento sono Mr. Ego



"Piacere mi chiamo Ego e ti posseggo. 

Lo so non ci crederai, ti ho fatto addirittura credere di essere me. Sei il mio burattino, ti porto in giro, ti faccio parlare, e spesso ti faccio parlare di me, ti induco a desiderare situazioni, eventi, cose e persone. 

Hai presente quando ti esce dalla bocca o pensi "Io sono... io faccio... io ho fatto... io io io..." ecco quello sono "io".

Modifico la percezione della realtà, pongo la tua attenzione su tutto ciò che avvalora quello che voglio farti credere. Ti faccio vedere dei "pirla" come Maestri di Vita, e scambiare i Maestri di vita per degli sciocchi. Mi ritengo infallibile, faccio i capricci quando non mi viene data ragione, perché io ho sempre ragione, gli altri non esistono, io so tutto, ho già capito tutto. Per questo non ascolto nessuno, perché "Io so già...". 
Ti sminuisco e ti faccio sentire insicuro, e allo stesso tempo adoro portarti al centro dell'attenzione, è stupendo quando mi sento importante, intrigante, seduttivo, interessante, affascinante. Mi sciolgo e abbasso le mie difese appena qualcuno mi accarezza con qualche complimento, e ti porto a farti ingannare da chi è furbo e sa come prendermi, sedurmi o adularmi.

Ti faccio usare le altre persone per ottenere delle belle sensazioni nel corpo, mi nutro dell'energia altrui, della tua e della loro. Sono esperto di seduzione, uso l'energia sessuale per miei scopi, perché di fronte all'eccitazione fatichi a resistermi.

Ti faccio dire agli altri, tutto il tempo, quello che dovresti fare tu. Disprezzo prendermi responsabilità. Preferisco lamentarmi, fare pettegolezzo e puntare il dito e criticare le persone. Ti faccio sminuire immediatamente chi manifesta talento o ha successo, preferisco invidiare anziché ammirare... devi provare invidia, non ammirazione, perché nessuno è meglio di me. Ti faccio desiderare di avere il controllo su tutto e tutti. 

Odio il silenzio, quando stai nel corpo, respiri, mediti e ti focalizzi sull'istante presente. Mi dà fastidio quando cerchi di osservarmi, quando cerchi di liberarti, quando tenti di farmi tacere, di far tacere il dialogo interno col quale ti distraggo tutto il tempo dalla Realtà."

- Mah! Non potremmo essere amici e collaborare? Lasciati guidare ogni tanto! Lasciami fare qualche scelta consapevole! Se imparo a discernere, si può! Ti farò godere di ogni istante!

"Scherzi? Saremmo felici entrambi! Io voglio essere felice solo io! io! io!"



Quello che non avevo mai visto...



Mi arrendo!

Sono precipitato nel corpo, e sono rimasto confuso quando i filtri percettivi presenti nella mente e installati durante l'infanzia hanno iniziato a mollare la presa. La Realtà comincia ad essere di difficile interpretazione. 

Sei di destra? Sei di sinistra? Ehmmm... che linguaggio usate? 
Credi in Dio? E la prossima domanda sarà credi negli X-Men? 
Ti sei accorto che poteri occulti governano l'umanità? Mmmm... quali poteri occulti mi fanno girare la testa per guardare la scollatura di quella ragazza che attraversa la strada? 
Meno tasse per tutti? Perché non "Più intelligenza per tutti"? Vero, è un cane che si morde la coda, finché non c'è più intelligenza per tutti, difficilmente vince uno slogan di questo tipo. 
Sai quanto costa allo Stato questo...? e quello...? Ma chi è questo "Stato"? Qualcuno mi ha chiesto se volevo il codice fiscale? E la carta d'identità? Posso decidere come voglio chiamarmi?
Il Prodotto Interno Lordo è sotto dello 0,3% nell'ultimo trimestre! Mi spiace hai problemi di stitichezza? No, è che l'Economia non riparte! Ah! Perché? Dove doveva andare? No, è che dovremmo investire di più nell'azienda ospedaliera! Basta con questa gente che si ostina a rimanere in salute, servono più malati, il PIL deve salire!
Non sei patriota? Beh... non sono di certo un idiota! 
Bisogna aumentare la competitività! Bisogna aumentare la produttività! Bisogna crescere! Ehy! Sono d'accordo, facciamo la gara a chi impara prima a usare la telepatia, la telecinesi, o che ne so a essere gentile e di buon umore... già, otteniamo dei risultati con questo corpo e questo cervello, sono per la Crescita pure io!