InVersione dei Sensi



Ho letto una notizia su di un giornale che non esiste. Si parlava di una forma di disfunzione del sistema nervoso che mandava nel caos totale i 5 sensi.

Si raccontava di un uomo che sentiva i sapori con gli occhi, annusava col orecchie, vedeva col naso, udiva con le mani e toccava le cose con la lingua. Roba da matti. 

Una donna, invece, descriveva le cose così: "Sono in confusione... da quando gusto i suoni dalla lingua, i sapori li odo con le orecchie, mentre annuso le cose coi polpastrelli... è come se toccassi le cose con gli occhi, e vedessi dal naso... non riesco più a stare in un supermercato...!" 

L'articolo dice che le autorità non sanno ancora come intervenire... anche perché nessuno mangia più il cibo confezionato... molti entrano in depressione sentendo il paesaggio circostante... c'è chi spacca tv e radio... chi si rifugia nella solitudine e nel silenzio della natura. Alcuni mistici sostengono che esseri provenienti da altre dimensioni, che si occupano di armonizzare l'universo, abbiano diffuso volontariamente questa "malattia". 

Filastrocca Fanta-Logica

Capìta e scolpita la Mente, 
il Pensiero Può... Essere Potente. 
L'attenzione al tuo Presente, 
ti porta in questo Istante...

Qui stanno "Il Dove... Il Quando..." e il Tutto, 
e col REale stringi un patto. 
Ti appelli "Gran Maestà", 
perché il tuo Regno è la Realtà...

in cui puoi compiere Prodigi, 
o ritrovarti anche alle Fiji...
disegnare un gran sorriso
su volti certi o su ogni viso.

Lamentarsi a nulla serve, 
quel che occorre è un po' di Verve!
C'è chi fa da "incubatore", 
e chi di Sogni Realizzatore.

Ment(r)e tace nel "qui e ora",
questo Adesso... Tu! Colora! 
Così Coscienza Percettrice, 
del tuo Mondo sarai Fautrice! 

Mi domando...


Magari a te che leggi non capita, a me che scrivo succede di farmi delle domande. Vado qui o di là? Lo faccio o non lo faccio? Cosa faccio da mangiare? 

Oppure ad un tratto mi chiedo cose di questo tipo: 

"Puoi ricordarti che c'è una buona probabilità, che fra le persone che incontri, ce ne siano molte che vogliono darti anche affetto?"

Una voce aggiunge: "...E che quelle chiuse, scontrose o impaurite forse hanno sofferto?"

Infine, mi gira nella mente: "...O che molte di queste possano aumentare la loro consapevolezza, se hanno di fronte qualcuno con un'Insolita Visione e un Atteggiamento Originale?" 

Adesso mi viene in mente "Come sarebbe tutto se avessi un'Insolita Visione e un Atteggiamento Originale?"


La Forza di Leggerità



C'era un posto in cui non esisteva la Forza di Gravità. C'era la Forza di Leggerità. 

Le cose, gli oggetti, le creature e le persone che lo popolavano... galleggiavano... vivevano sospese nell'aria... con le radici... con i piedi in cielo e la testa protesa verso il terreno. Per quanti sforzi si facesse, spiccando salti verso terra per toccarla con le mani, la Forza di Leggerità riportava per aria qualsiasi cosa, come un cuscinetto energetico magnetico che si poneva fra tutto e il terreno. 

Essa funzionava anche sui pensieri e le emozioni, mantenendoli leggeri e colorati. Non appena un pensiero grave e pesante si presentava, la Forza di Leggerità lo faceva volare fuori dalla mente. Anche le sensazioni rimanevano costantemente frizzanti. 

Un coraggioso abitante di quel posto, un giorno sfruttò la Forza di Leggerità e arrivò sul pianeta Terra. Cadde col muso sull'asfalto di una strada di città. I terrestri gli parevano così strambi! Non aveva mai sentito il corpo tanto bene e non aveva nemmeno mai provato a tenere i piedi a terra. Dovette imparare a dare il giusto peso alle cose, percepire la massa dei pensieri, riconoscere la giusta gravità agli eventi.  

Lo Specchio del Reale




C'erano il mondo dei Re, cioè un mondo ideale, il Mondo Reale. Poi il mondo degli Illusi, cioè un mondo falso, il Mondo dello Specchio. Agli abitanti del Reale era stato detto di essere nello Specchio, e a quelli dello Specchio di essere nel Reale. 

Così c'era gente nel Reale che guardava lo Specchio tutto il Tempo pensando di vedere la Realtà. Immaginati quelli nello Specchio che pensavano di Essere Reali! E per loro il Mondo Reale era falso, illusorio. 

Quanta confusione ci fu in quel periodo in cui qualcuno lesse questa storia antica. Una vera mescolata nella mente. Come anche lo era la domanda finale: come fai a sapere in quale mondo sei? 


La Logica della Fantasia




"Logica" è una parola che viene da Logos, cioè discorso, ragione. Viene definita come l'Arte di ben Ragionare , ed è quella parte della Filosofia (la disciplina che ama la sapienza Philo- Sophos) che insegna a dirigere la ragione in cerca della verità.

"Fantasia" viene da Phantasia, cioè apparizione, immagine (particolarmente pomposa). Definisce la potenza immaginativa e rappresentativa dell'Anima ed anche Immagine, Invenzione, Pensiero, Idea...

Parliamo di logica della Creatività. 

Per influire sulla materia vuoi saper usare il corpo. 
Per utilizzare il corpo, devi evitare di farti usare il corpo dal cervello, quindi occorre saper utilizzare il cervello. 
Per padroneggiare il cervello bisogna avere il dominio della mente, dei pensieri... sai cos'è un pensiero? Riflettici, usa la Fantasia. Per impossessarsi della Mente serve utilizzare la Magia, cioè la Fantasia, essere esperti di Fantasia. 
Per Essere Fantastici, esperti di Fantasia, sarebbe bene ricordarsi CHI SEI, qualcuno o qualcosa su cui un certo tipo di Persone Certe mette l'etichetta Anima. 

La Logica della Fantasia potrebbe essere l'Arte di ben ragionare riguardo la potenza immaginativa e rappresentativa dell'Anima... Oppure immaginare il modo più incredibile, sorprendente... logico... per descrivere il processo di Creazione. 





Cosa e Come Insegnare ai Bambini?


Quando ho di fronte un foglio nuovo e pulito, su quel foglio risulterà evidente qualsiasi segno io possa lasciare, che sia una riga, un cerchio, una nuvola, un colore, una forma, un cuore, una lettera, una parola o una frase, una forma, un simbolo, un'idea, un pensiero... in matita, con un pennarello piccolo, oppure grande, con un pennello, dei pastelli, degli acquerelli, vernice, inchiostro... con forza, con delicatezza, con passione, con amore, con rabbia, con paura, con gentilezza... tutto questo influisce su quel segno che lascio...

Quel segno è evidente finché il foglio è bianco, poi se continuo a lasciare segni, i primi segni cominciano a confondersi nell'immagine più grande che ne verrà fuori, che potrà essere più cupa o più luminosa, debole o più forte, più grigia o più colorata... 

Se voglio che l'immagine che ne venga fuori sia quella di una persona libera e sicura di essere felice nel modo che lei preferisce, come un grande artista, starò attento e userò cura e riguardo nel lasciare ogni segno. 

Ma tornando all'argomento del post... per rispondere alla domanda nel titolo... credo si debba ricordare che ogni parola e ogni gesto, che un bambino ascolta e osserva, lascino un segno nella sua mente nuova e pulita. 

Adesso mi sto chiedendo come sarebbe il mondo se a tutti i bambini fosse dinsegnata nella mente la Magia della Vita... 

"Giro giro tondo... cambia il mondo..."


Concentrati sulla tua Musica



"L'invidia è una confessione d'inferiorità. (Honoré De Balzac)

Quando si fa attenzione si possono cogliere lezioni ovunque. 

Ero in treno e ascoltavo due uomini parlare. Due musicisti... Per me sentir parlare di musica è un po' come sentire parlare di magia, ma in realtà... uno dei due più che parlare di musica, non faceva altro che criticare cantanti degli altri gruppi e delle altre band. Cantava, cioè ciarlava così: "Quello sa solo tenere il palco... tizio si dà troppe arie... la gente si lascia incantare con due acuti... tizio è tutta scena... caio non ha tecnica, sempronio non ha competenza e non sa nulla di musica..."

Andò avanti così per un po' finché quello più giovane dei due, ridendo e col sorriso stampato rispose "Sarà che suono il basso e sono più terra terra, ma... Sono giorni che passi il tempo a giudicare la musica altrui... come cantano gli altri... Mi sembri un po' insicuro riguardo alla qualità del tuo modo di cantare, di fare musica... altrimenti perché spendere così tante energie per sminuire e ridimensionare il talento altrui? Concentrati su te stesso." 

Vero! 

Passato Futuristico e Futuro Remoto




Faccio sogni strani e mi ritrovo in luoghi particolari, nei quali incontro persone che vivono in maniera diversa. 
In un sogno ho visto gente che parlava così... 

- Ciao! Come va? 
- Bene ieri mi sarò rilassato! 
- Oh! Avrai fatto bene! E domani cos'hai fatto? 
- Beh... domani sono stato a divertirmi con degli amici, e fra qualche settimana andai a fare un viaggio in un posto lontano e splendido! 

Mi suonava tutto così strano, allora ho fermato un tizio e gli ho chiesto spiegazioni. 

Mi disse "Sì noi usiamo il passato futuristico e il futuro remoto...forse trovi particolare che parliamo del passato al futuro e del futuro al passato? Beh... abbiamo cambiato la coniugazione dei verbi per ricordarci che il passato crea il futuro, perché genera i pensieri che costruiscono il futuro. 
Inoltre ci ricordiamo che il futuro è già accaduto, dobbiamo solo aspettare che passi il tempo necessario per sperimentare quello che abbiamo già vissuto nei nostri pensieri passati..."

Rimasi sorpreso... e poi terminò "...insomma adesso stiamo molto più attenti ai nostri pensieri sul domani, perché diventeranno il nostro passato e di conseguenza il nostro futuro, semplice no?"